Ho ordinato le Apple AirPods il 9 luglio 2017 e dopo 41 giorni e 8946 km percorsi in giro per il mondo sono arrivate nelle mie mani.

Leggi la storia riguardo la spedizione delle mie AirPods

Dopo una settimana di utilizzo sono rimasto particolarmente sorpreso da come un prodotto così semplice e comune, come un paio di cuffiette, possa essere innovato mantenendo la sua semplicità. Le AirPods riassumono quel concetto di “It just works” molto noto agli utenti Apple. Sono belle ed eleganti alla vista ed al tatto e fanno quelle cose che normalmente fanno le cuffie, ma in un modo migliore.

Appena aperta la confezione vi troverete di fronte, oltre il classico packaging Apple minimale, una custodia che ha lo scopo di ricaricare (fino a 4 o 5 volte) e proteggere le AirPods quando non in uso. Basta aprire la custodia ed è fatta, il pairing (l’accoppiamento tra dispositivo e auricolari) è immediato e soprattuto trasversale a tutti i tuoi dispositivi Apple sincronizzati. Grazie ad iCloud le mie AirPods si sono associate immediatamente agli altri miei iDevice.

Gli auricolari sono inseriti in un perfetta sagomatura all’interno della custodia di ricarica e tenuti in sede da piccole calamite che ci permettono di non perderli e di rimetterli in carica con semplicità.

La forma delle AirPods è pressoché identica agli auricolari EarPods associati agli iPhone e una volta indossate la sensazione è simile. Dopo qualche minuto di utilizzo si ha l’impressione di non aver nulla addosso con il rischio addirittura di dimenticarsi di averle addosso, cosa non da poco.

Non sono un intenditore di musica e audio, per un utente normale senza grandi aspettative, si può considera di qualità più che accettabile, sia per l’ascolto di musica che per le chiamate.

Grazie al chip W1 contenuto nella parte superiore delle AirPods è possibile rispondere a chiamate, cambiare brano e attivare Siri attraverso il semplice tocco personalizzabile con iOS 11. Inoltre riconosce quando indossate o rimuovete gli auricolari dalle orecchie fermando o facendo ripartire la musica nel caso in cui la stavate ascoltando.

Durante l’utilizzo normale, da seduto o camminando a piedi per strada, e durante semplice palestra non troppo dinamica le AirPods non si sono mai sfilate dalle orecchie, nonostante questa sia la mia più grande paura. Se perdi una delle due sei costretto ad acquistare un nuovo paio in quanto non sono vendute separatamente.

Le mie AirPods sono state ordinate nell’Apple Online Store e le ho ricevute dopo oltre un mese, difficili da trovare pure negli Store fisici, dove quando a magazzino restano disponibili per un paio d’ore e non di più. Per monitorare la disponibilità delle AirPods negli Apple Store vi consiglio di registrarvi al sito isinstock.com e riceverete un’email non appena disponibili.

Non c’è molto altro da dire: sono fantastiche. E chiamarle cuffiette è riduttivo.

Apple AirPods arrivate
Apple AirPods arrivate